- Home
- News & Updates

Il musical
- Un po' di storia
- Il New London Theatre
- La trama
- I personaggi
- Le canzoni
- Gli autori
- Il cast originale
- Altri cast di Cats

Due serate memorabili
- La chiusura a Broadway
- La chiusura a Londra

La fonte
- Thomas S. Eliot
- The Old Possum's Book of Practical Cats
- Altre poesie

Il Video
- La produzione
- Gli interpreti
- Il making of

Documentazione
- Discografia
- Bibliografia
- Approfondimenti

Cats in Italia
- Milano, 1995
- Milano, 2003...?

Downloads
- Midi
- Audio
- Video
- Informatical Cats

Zona Fan
- Resoconti di viaggio
- Premi
- Curiosità

Links
- Siti internet
- Fan-Fiction
- Fan-Art

- Chi è la Webmistress


                                Il New London Theatre

Il New London Theatre (sito in Drury Lane) è il teatro londinese dove dal 1981 al 2002 è stato programmato Cats. Si trova nel West End, una delle zone più centrali di Londra, facilmente raggiungibile da qualsiasi punto della città con la metropolitana (la fermata più vicina è Holborn).
L'interno del teatro venne ricostruito nel 1981 dallo scenografo John Napier proprio con l'obiettivo di ospitare le rappresentazioni di Cats, quindi gran parte della struttura interna non aveva molto a che vedere coi teatri tradizionali. Anziché platea, galleria, palchi e loggione, la zona destinata agli spettatori era stata suddivisa in piattaforma mobile, platea e palchi.
La piattaforma mobile era in sostanza la parte della platea più vicina al palco (le poltroncine della prima fila distavano sì e no un metro dal bordo del palcoscenico, che si trovava all'altezza degli occhi dello spettatore): le quattro file di poltroncine erano fissate a un segmento del pavimento che, azionato da un grosso motore, ruotava dal retro al fronte del palco (che era di forma circolare) all'inizio dello spettacolo, mentre veniva suonata l'ouverture e i protagonisti dello show iniziavano a mostrarsi, indossando degli occhiali luminosi verdi e scivolando immersi nel buio in mezzo agli spettatori stessi.
La platea era la zona più ampia: un corridoio la divideva dalla piattaforma mobile, di cui era in sostanza la prosecuzione. Sia la piattaforma mobile che la platea erano attraversate a raggiera da alcuni corridoi. Essi terminavano in parte alla base del palcoscenico, dove si inserivano in delle buche che permettevano agli attori di passare sotto il palco stesso, e in parte con delle pedane che arrivavano al bordo superiore del palco, anche in questo caso permettendo agli attori di compiere dei rapidi passaggi da fuori a dentro il palco e viceversa.

I palchi erano, come di consueto, a qualche metro di altezza da terra: essi permettevano sicuramente una buona visione d'insieme, ma gli spettatori che vi sedevano non potevano godersi i passaggi ravvicinati degli attori né durante l'ouverture, né durante il resto dello spettacolo.
Con la chiusura di Cats, l'interno del New London Theatre è stato smontato e ricostruito da cima a fondo, e riportato a una conformazione più tradizionale. Al momento ospita Umoja, uno spettacolo di canti e balli tradizionali africani.